Il viaggio e la scoperta al tempo di Facearound


Oggi Un sardo in giro lascia spazio ad un Guest Post di Riccardo Esposito (il primo su questo blog a dir la verità!) che presenta una nuova app per viaggiatori:

Qual è il sogno di ogni viaggiatore? Difficile dirlo... forse trovarsi in un luogo che ha già visto in sogno o aprire una mappa e trovare in un attimo ristoranti, alberghi, pizzerie e qualsiasi tipo di attività commerciale – dal parrucchiere al fiorista, dal veterinario al tatuatore, fino alle più disparate curiosità meritevoli di una visita.
Il tutto arricchito con offerte speciali e i consigli delle persone che già hanno vissuto il tuo viaggio.


Con le nuove tecnologie tutto questo è possibile. Basta avere uno smartphone (Android, iPhone, BlackBerry, Windows Phone) e un’applicazione come Facearound (da seguire anche sulla Fan Page): mappa, amico di avventure, guida collaborativa che nasce dal contributo degli utenti Facebook, luogo dove trovare offerte. 

Ma, soprattutto, un inseparabile compagno di viaggio.

I concetti base di questa applicazione per Android e iPhone? Geolocalizzazione e integrazione con la piattaforma Facebook. 
Come funziona? Basta accedere, posizionarsi sulla mappa (operazione automatica ma che può essere anche effettuata manualmente) e cercare l’attività che ti interessa.


In un attimo sulla mappa compaiono i segnaposti di tre colori differenti che indicano le attività commerciali che hanno una Fan Page, quelle arricchite con recensioni degli utenti Facebook e quelle che presentano offerte speciali.

Basta cliccare sui segnaposti per leggere le informazioni, e lasciare la tua opinione a beneficio degli altri utenti. Perché questo è lo spirito di Facearound: condividere dati utili e fonderli sul territorio, creare una mappa grazie al contributo dei viaggiatori per i viaggiatori.

Provala e fammi sapere cosa ne pensi!
_____________________________________________________________________________

"Il viaggio e la scoperta al tempo di Facearound" è un Guest Post di  Riccardo Esposito scritto per Un sardo in giro.


Etichette: , ,